Calendario

March 2017
M T W T F S S
« Jan    
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Parole chiave

Viaggio in Patagonia del MdL Sergio Vasconi (2a puntata)

PATAGONIA

(2° puntata – Natura)

Rilievi

La Cordigliera delle Ande corre longitudinalmente lungo tutta l’America del Sud, nascendo dal Venezuela e dalla Colombia, come prosecuzione delle Montagne Rocciose del Nord America, percorrendo in Argentina tutta la sua lunghezza, dal confine boliviano a nord fino all’Atlantico nel Sud, cioè nella Terra del Fuoco. La Cordigliera fa da confine e spartiacque tra il Cile ad occidente e l’Argentina ad oriente. Accanto alla Cordigliera principale ci sono altre due Cordigliere parallele, ma più ridotte come estensione ed elevazione. Ad occidente, lungo le coste pacifiche del Cile la Cordigliera della Costa ed a oriente della Cordigliera principale ed in Argentina la Precordigliera.  Le cime si estendono tra i 3000 e i 4000 metri di altitudine, mentre intorno ai 33° di latitudine Sud in prossimità della capitale del Cile, Santiago e della città argentina di Mendoza si eleva l’imponente cresta dell’Aconcagua che con i suoi 6960 metri è la montagna più elevata dell’emisfero occidentale.

Il tratto andino che costeggia la Patagonia argentina è detto Cordigliera Patagonica con le cime del San Valentin (4058 m), cima massima della Patagonia, San Lorenzo (3706 m), Cerro Tronador (3554 m) ed i noti, per le spedizioni andine di famosi scalatori italiani, Fitz Roy (3405 m), Cerro Torre (3102 m) e Cerro Perito Moreno (3392 m).

Fitzroy e Cerro Torres (AR)

Fitzroy e Cerro Torres (AR)

Torri del Paine (CH)

Torri del Paine (CH)

 I Corni del Paine (CH)

I Corni del Paine (CH)

Vulcani

Lungo tutta la dorsale andina si trovano numerosi vulcani. Questo fenomeno e dovuto alla tettonica a zolle in particolare alla Placca di Nazca in subduzione sotto la Placca sudamericana. Alcuni vulcani argentini sono il Lanín (frontiera tra Argentina e Cile), il Tronador, il Cerro Bayo, il Domuyo, mentre alcuni vulcani cileni sono: l’Osorno, il Chaitén, l’Hudson.

Il Vulcano Osorno (CH)

Il Vulcano Osorno (CH)

Il Vulcano Hornopiren (CH)

Il Vulcano Hornopiren (CH)

Tracce dell' eruzione del Vulcano Hudson del 1991 (sullo sfondo) che ha depositato un metro di ceneri vulcaniche

Tracce dell' eruzione del Vulcano Hudson del 1991 (sullo sfondo) che ha depositato un metro di ceneri vulcaniche

Clima

La Cordigliera delle Ande in generale e la Cordigliera Patagonica in particolare formano una barriera naturale per i venti dominanti che soffiando dall’Oceano Pacifico verso oriente trasportano le nuvole ricche di precipitazioni che vengono depositate pertanto prevalentemente sul lato occidentale cileno delle Ande rispetto al versante orientale argentino. Ne risulta che il versante cileno della Patagonia è ricco di foreste, di ghiacciai, di fiumi impetuosi che scendono verso il Pacifico, formando cascate e laghi, mentre il versante argentino, più povero di piogge, fatta eccezione per la striscia di territorio compresa tra Cordigliera e Precordigliera, è  più arido e stepposo man mano che si procede verso oriente, cioè verso l’Oceano Atlantico. Le precipitazioni annuali nelle isole occidentali cilene del Pacifico sono attorno ai 4000-7000 millimetri di pioggia. Le colline orientali argentine ricevono invece meno di 800 millimetri e le pianure  200 millimetri di precipitazioni annuali.

Ghiacciaio pensile Quelat (CH)

Ghiacciaio pensile Quelat (CH)

Ghiacciaio Huemul (AR)

Ghiacciaio Huemul (AR)

Rio Palena (CH)

Rio Palena (CH)

Rio Baker (CH)

Rio Baker (CH)

Laguna verde (CH)

Laguna verde (CH)

Lago paludoso della Cordigliera cilena

Lago paludoso della Cordigliera cilena

Lago Cisnes (CH)

Lago Cisnes (CH)

Il clima è meno rigido di quanto si possa pensare. Il versante orientale (argentino) è più caldo dell’occidentale (cileno), particolarmente in estate, poichè la costa ovest pacifica è percorsa dalla corrente oceanica fredda del Niño. La temperatura media annuale della Patagonia argentina è di 11 °C con valori estremi di 25,5 °C per la temperatura  massima e −1,5 °C per la minima, mentre a Bahía Blanca, vicino al litorale atlantico ed appena fuori dai confini nordici della Patagonia, la temperatura annuale media è di 15 °C. A Punta Arenas, nel sud estremo, la temperatura media è 6 °C.

Patagonia argentina. Ruta N° 40

Patagonia argentina. Ruta N° 40

Patagonia cilena. Carretera Austral

Patagonia cilena. Carretera Austral

Flora

Per via dell’elevata variabilità nella temperatura, nelle precipitazioni e nell’altezza dei rilievi, ci sono vari modelli di vegetazione. La brughiera con le paludi e gli arbusti nani, chiamata brughiera di Magellano, predomina lungo il litorale occidentale del sud dove soffiano forti venti  e le precipitazioni sono abbondanti. Intorno ai campi glaciali, l’alta piovosità nelle zone riparate permette l’esistenza della foresta pluviale temperata (foreste subpolari di Magellano), con foreste di faggio del sud (Nothofagus betuloides). Il bosco misto si può ritrovare nelle zone con intensità di precipitazione più bassa e comprende essenze come Nothofagus pumilio, Berberis buxifolia e Gunnera magellanica.

Dal lato orientale delle montagne (Argentina) al di fuori della zone di influenza delle residue precipitazioni andine si estendono la steppa ed il pascolo con gli arbusti bassi, dominati da Festuca ed erbe resistenti alle basse  precipitazioni ed ai venti forti.  In primavera ed estate, il pascolo è dominato da piante basse ricoperte di piccoli fiori. Il calafate (Berberis buxifolia) è considerato il simbolo della Patagonia. È un arbusto sempreverde, le cui bacche sono commestibili ed utilizzate per produrre una marmellata. Una leggenda dice che mangiare le bacche di questo arbusto rende la gente sicura di ritornare in Patagonia.

Piante di Nalca lungo la Carretera Austral del Cile

Piante di Nalca lungo la Carretera Austral del Cile

Bosco di Lengas (Nothofagus Pumilia)

Bosco di Lengas (Nothofagus Pumilia)

Fauna

Il guanaco, il huemul (cervo sudamericano), il puma, lo zorro (volpe brasiliana), lo zorrino patagonico (un genere di moffetta) ed il tuco-tuco (un roditore sotterraneo) sono i mammiferi più caratteristici delle pianure della Patagonia cilena ed argentina. La Rhea americana o ñandu (piccolo struzzo) caratteristico delle zone steppose rappresentava assieme al guanaco, che vaga sempre solo o in gruppo, il principale mezzo di sostentamento per le popolazioni native, che li cacciavano a cavallo e con i cani, utilizzando le bolas.

Guanachi

Guanachi

Rhea americana (piccolo struzzo)

Rhea americana (piccolo struzzo)

Zorrino

Zorrino

L’avifauna è abbondante. Il caracara del sud (Caracara plancus) è uno dei rappresentanti più caratteristici del paesaggio della Patagonia; il colibrì può essere visto in volo in mezzo alla neve appena caduta. Sulle Ande ci sono condor ed aquile. Tra i molti generi di uccelli acquatici ci sono molti tipi di anatre, cigni dal collo nero, fenicotteri, oche della regione montagnosa (Chloephaga picta) e nello stretto  le oche di Magellano (Tachyeres pteneres),

La fauna marina comprende la balena franca australe, il pinguino di Magellano, il pinguino Papua dal becco e dalle zampe arancioni, le orche, le foche, i leoni marini e gli elefanti marini.

La Penisola di Valdés, che si protende nell’Atlantico tra il 42° ed il 43° parallelo sud ad oriente della città argentina di Puerto Madrin è una delle più belle riserve faunistiche marine dell’America Meridionale, dichiarata dall’Unesco nel 1999 Patrimonio dell’Umanità per la grande importanza che ricopre come riserva naturale. Ogni anno attira da tutto il mondo più di 80.000 visitatori che su una superficie di 3600 kmq. ed oltre 400 km. di linea costiera possono ammirare leoni marini, elefanti marini, foche, orche, pinguini, numerosi uccelli marini e da giugno a metà settembre la balena franca australe, una specie a rischio di estinzione.

Puerto Natales (CH). Cormorani

Puerto Natales (CH). Cormorani

Oasi dell'Isola Magdalena con 250000 pinguini-Stretto di Magellano

Oasi dell'Isola Magdalena con 250000 pinguini-Stretto di Magellano

Pinguini di Magellano

Pinguini di Magellano

Pinguini Papua

Pinguini Papua

Canale di Beagle (AR). Leoni ed Elefanti marini

Canale di Beagle (AR). Leoni ed Elefanti marini

Comments are closed.